Off The Record : Sébastien Perrier, Sony Music France

30 Settembre 2019

World - ibis team

Off The Record : Sébastien Perrier
« L'industria della musica ha avuto un lungo decennio di transizione, passando dai difficili primi anni 2000 quando la pirateria online devastava gli incassi, all'era attuale in cui le piattaforme di streaming in costante crescita come Spotify stanno definendo un nuovo sistema. »

Le principali case discografiche come Sony Music sono cambiate di pari passo coi tempi, ma il loro ruolo chiave - contratto e promozione di nuovi talenti - è rimasto intatto.

 

Abbiamo parlato con Sebastian Perrier, responsabile delle comunicazioni e delle partnership del marchio per Sony Music France, per conoscere il lavoro svolto dalle principali case discografiche e in che modo le partnership del marchio sono diventate fondamentali nel loro lavoro.

 

Quale lavoro si svolge dietro le quinte tra il contratto e il lancio di una band?

 

Tra il contratto di una band con una grande casa discografica e il lancio, sono coinvolti diversi team di lavoro per garantire il successo della band. Ci sono quattro aree importanti:

 

•             A&R: il team che si occupa della direzione musicale dell'artista

•             Marketing: il team che lavora per l'immagine e il concetto dell'artista

•             Promozione: il team che si occupa delle attività promozionali per l'artista tramite diversi canali, sia online che offline

•             Distribuzione: il team che condivide la musica attraverso le piattaforme digitali come i canali di streaming, ma anche con CD fisici e vinili nei negozi di dischi

 

Ci sono anche altre aree importanti, come quelle dedicate alle risorse aziendali e alle note legali che proteggono gli interessi dell'artista e in qualità di responsabile delle comunicazioni e delle partnership del marchio per Sony Music in Francia, il mio impegno è proprio quello di trovare nuovi modi per promuovere ed espandere la carriera di un artista attraverso campagne e partnership di marchi diversi.

 

Per dare l'idea di quante persone possono essere coinvolte, l'artista internazionale di grande successo Jain ha un team di circa 80-90 persone per supportare i suoi progetti musicali, dagli aspetti artistici a quelli logistici.

 

Con così tanta musica là fuori ora, come riesci a generare l'interesse della gente per un artista?

 

Non attiriamo l'attenzione della gente come si faceva una volta. In termini di musica, è ovviamente importante creare e diffondere suoni innovativi che entrino in sintonia con il pubblico. Tuttavia, il concetto e l'immagine sono più importanti che mai quando si lancia un artista. I social media e i video musicali hanno un enorme influenza sul pubblico e possono generare un grande interesse online. Questi sono gli strumenti a disposizione delle principali case discografiche per massimizzare il successo di un artista, ma non esiste una ricetta magica e il successo spesso si presenta in modo casuale: devi solo essere nel posto giusto, al momento giusto e con il concetto giusto.

 

Quanti contratti firma Sony Music in Francia tendenzialmente ogni anno e questo dato è aumentato nel corso degli anni?

 

Sony Music in Francia gestisce tra 120 e 130 esibizioni nazionali e questo valore dovrebbe salire a 140-150 artisti entro la fine dell'anno, principalmente artisti di strada. Sony Music Entertainment al momento sta espandendo il suo repertorio musicale e sta crescendo nel settore della musica, principalmente negli Stati Uniti, ma subito dopo viene l'Europa e pertanto siamo in grado di ampliare i nostri team e le nostre competenze per lanciare nuovi artisti.

 

Qual è il risultato di cui vai maggiormente fiero in termini di spettacoli?

 

La cosa di cui vado più orgoglioso è la recente collaborazione tra Jain e FIFA. È stata ambasciatrice del marchio per il Campionato mondiale di calcio femminile a cura della FIFA e l'artista ufficiale per la cerimonia di apertura, espandendo così la sua immagine promozionale all'estero. Questa collaborazione ha avuto successo perché l'evento ha integrato i valori di Jain che condivide messaggi femministi nelle sue canzoni.

 

Per i nuovi artisti, c'è un consiglio che potresti dare loro per attirare la casa discografica giusta?

 

Il consiglio che posso dare loro è che la musica si basa soprattutto sulle relazioni umane, è importante sviluppare e stabilire un legame reale con le persone con cui stai pensando di collaborare, prima di pensare a contratti e affari. Una casa discografica è un partner e in Sony Music promuoviamo la fiducia e la trasparenza quando collaboriamo con gli artisti. Altrimenti, è difficile sviluppare un progetto di successo.